Repressione e solidarietà

Repressione, news e solidarietà

Roma - Bottiglie contro la polizia al corteo per l'omicidio di Stefano Cucchi

fonte: rainews24

Momenti di tensione a Tor Pignattara all'inizio della manifestazione organizzata dai centri sociali a Roma per chiedere "verita' e giustizia" per Stefano Cucchi, il 31enne morto dopo qualche giorno il suo arresto.

I manifestanti, spiega la questura, hanno lanciato alcune bottiglie contro i blindati della polizia. Ma gli agenti - sottolineano dalla questura - non hanno reagito ed e' tornata la calma, a parte gli slogan contro le forze dell'ordine, e il corte e' partito dal parco degli Acquedotti Alessandrini sfilando verso via Ciro da Urbino, dove il giovane abitava con la sua famiglia.

Sab, 07/11/2009 – 20:37

Teramo - Denunciati tre compagni

fonte : il Centro del 4 Novembre

TERAMO. I poliziotti della volante li hanno bloccati mentre con la vernice nera imbrattavano i muri del centro storico con scritte anarchiche contro la polizia penitenziaria per il caso Castrogno, contro i carabinieri e alcuni politici. (...) Le scritte sono state fatte in via Carlo Forti e in corso San Giorgio, 24 ore prima della festa delle forze armate le cui celebrazioni sono in programma per oggi. (...) Tra le scritte fatte sui muri del centro storico anche una contro il comandante della guardie penitenziarie del carcere di Castrogno. Il sindaco Maurizio Brucchi ha ha chiesto l’intervento della Team. La società pubblico-privata, guidata da Raimondo Micheli , ha subito mandato sul posto una squadra di operai che ha avviato la ripulitura dei muri. In serata erano ancora visibili alcune delle frasi, in particolare quelle scritte sul marmo. Per queste ultime, infatti, è stato necessario un intervento particolare avviato durante la notte in modo da non creare disagi ai passati.

Sab, 07/11/2009 – 10:35

Festa delle Forze Armate | Foto

Per maggior materiale in occasione della festa delle forze armate consulta i link a venire:

festa delle forze armate, grazie ragazzi

Lenzuoli di Stato

Nessuna pace per chi fa la guerra

Festa delle forze Armate

Ven, 06/11/2009 – 16:25

Firenze - Mannu Libero, soidarietà alle individualità antifasciste perquisite

 

MANNU LIBERO

SOLIDARIETA' AGLI ANTIFASCISTI PERQUISITI

Stamani le solerti forze di polizia hanno perquisito numerosi abitazioni di compagni e compagne appartenenti a centri sociali e non solo. Se questo non bastasse un compagno è stato arrestato adducendo ad un presunto pericolo di fuga per un viaggio in sud America che avrebbe dovuto, e farà, nel mese di Febbraio.

Ven, 06/11/2009 – 16:07

Torino - Busta con proiettile a quotidiano “Cronaca Qui”

fonte l'occidentale del 4 novembre

Dopo quella inviata ieri a una delle sedi torinesi della Lega Nord, un'altra busta contenente un proiettile e un volantino con delle minacce è stata recapitata oggi al quotidiano Cronaca Qui Torino. Un gesto che è stato condannato dal coordinatore piemontese del Pdl, il senatore Enzo Ghigo, che invita la città a non “lasciarsi intimidire” sottolineando ancora che “le minacce alle forze politiche e ai giornali rappresentano un preoccupante segnale per chi, come la stragrande maggioranza dei torinesi, crede nei valori della democrazia”.

Ven, 06/11/2009 – 15:54

Svizzera - Azione contro il consolato generale tedesco

Nella notte di venerdì 20 ottobre abbiamo attaccato il consolato generale tedesco con la vernice. Con quest'azione esprimiamo la nostra solidarietà con i condannati nel procedimento MG e diamo un segnale contro la guerra imperialista.

Il 16.10.2009, Florian, Axel e Oliver sono stati condannati a vari anni di prigione. I condannati erano accusati di partecipazione alla "Militante Groupe" e di aver depositato nel 2007 degli ordigni incendiari sotto dei mezzi dell'esercito federale, mezzi parcheggiati per manutenzione sull'area della ditta MAN.
La MG dal 2001 attaccava con varie azioni lo Stato ed il capitale e nella sinistra rivoluzionaria lanciò una discussione sulla militanza.
Molti dei suoi attacchi erano contro le ditte degli armamenti,l'esercito federale ed altre istituzioni che direttamente o indirettamente profittano della guerra imperialista. Tali ditte, come MAN e DHL (ditta delle poste tedesche), guadagnano miliardi con le guerre imperialiste ed il riarmo. Ci saranno le guerre finché ci sarà una società basata sulla concorrenza e lo sfruttamento, è parte immanente al sistema capitalista. Per questa ragione la MG non solo lottava contro lo sfruttamento, la guerra e la repressione, ma anche per una società senza classi, per il comunismo.
Con questa prospettiva rivoluzionaria ed i suoi attacchi contro lo Stato ed il capitale diventò questione prioritaria per la giustizia di classe. La repressione di Stato, come strumento dominante, colpiva.

Libertà per Mumia Abu-Jamal
Dal processo nel 1982 nel quale Mumia Abu-Jamal fu condannato a morte, egli è in galera. Inizio aprile, l'ultima richiesta possibile per una ripresa del processo fu rigettata senza commenti dalla corte suprema USA. Manca la decisione se la condanna a morte sarà commutata in ergastolo o eseguita.
Mumia Abu-Jamal faceva parte del Black Panther Party ed era giornalista che fino ad oggi anche dalla galera lotta per la propria storia ma anche per la sua prospettiva, vale a dire una società senza sfruttamento ed oppressione.
La nostra solidarietà è per Florian, Axel ed Oliver, Mumia Abu-Jamal, e per tutte/i colpite/i dalla repressione per la loro lotta per una società senza classi.
Libertà per ogni prigioniera/o per motivi politici!
Contro lo sfruttamento, la guerra e la repressione - per una società
senza classi!

trad. dal ted. marco camenisch, galera Regensdorf, Zurigo, 26.10.09

Dom, 01/11/2009 – 23:05

Pistoia - Sorin Calin, ucciso in caserma dai carabinieri

da "bello come una prigione che brucia" - trasmissione anticarceraria abolizionista su radioblackout

In questi giorni l'uccisione di Stefano Cucchi sta ricordando la potenzialità omicida del sistema repressivo e carcerario.
I politici si indignano e invitano la magistratura a procedere nelle indagini senza remore, la notizia trova spazio sui media nazionali: un episodio su mille che viene amplificato e stigmatizzato per mostrare l'umanità delle istituzioni, l'imparzialità della giustizia e, soprattutto, l'eccezionalità del fattaccio. La settimana Precedente, presso la caserma di Montecatini Terme, Sorin Calin, un ragazzo rumeno di 24 anni veniva massacrato di botte dai carabinieri. La versione ufficiale, pubblicata in un trafiletto insignificante della cronaca locale di Repubblica ci racconta di come il ragazzo contiuasse "ad opporre resistenza con urla e atti di autolesionismo, colpendo più volte il pavimento e le pareti con la testa e altre parti del corpo". Parole il cui significato è evidente quanto l'omicidio che tentano di celare. Dalla lettura delle cronache sulla morte di Sorin si palesa il ruolo corresponsabile di un'altra divisa, di un'altra autorità, quella medica: alleata partecipe o semplicemente omertosa, di torturatori, mazzulatori, gestori di gabbie, dalla Croce Rossa nei CIE delle nostre città all'anestesista nelle camere della morte statunitensi.
Nessuno ha reclamato la livida salma, nessuna sorella ha rilasciato interviste, nessuna famiglia ha schierato avvocati o pagato controperizie.
Molti si indignano, o fingono di farlo, per la morte di Stefano Cucchi, ma quasi nessuno sentirà parlare di Sorin Calin e degli altri uccisi dallo stato, soprattutto finchè le loro morti resteranno relegate nei trafiletti di cronaca locale o nei comparti stagni della controinformazione.

Dom, 01/11/2009 – 17:45

Brasile - Perquisita la sede della Federação Anarquista Gaúcha (FAG) di Porto Alegre

Brasile - Perquisita la sede della Federação Anarquista Gaúcha (FAG)
di Porto Alegre

Il 29 ottobre 2009 agenti della Polícia Civil do RS hanno sottoposto a
perquisizione la sede della Federação Anarquista Gaúcha (FAG) di Porto
Alegre alla ricerca di materiale di propaganda politica contro il
governo, accusato di corruzione. Sequestrati il computer e vario
materiale cartaceo.

info: www.vermelhoenegro.org/fag

Sab, 31/10/2009 – 15:47
Mer, 22/11/2006 – 13:02
Condividi contenuti
tutti i contenuti del sito sono no-copyright e ne incentiviamo la diffusione