Migranti

Informazioni, ribellioni sui Centri di Permanenza Temporanea e sui Migranti

Rovereto - Distrutto un altro bancomat dell'Unicredit contro complicità con regime di Erdogan

Apprendiamo dai giornali locali che, nella notte fra il 6 e il 7 settembre, un altro bancomat dell'Unicredit è esploso a Rovereto. L'attacco sarebbe stato eseguito con alcuni grossi petardi collegati fra loro. Sui muri della banca lasciate le seguenti scritte: "Colpire gli interessi di Erdogan" e "Con i compagni di Torino".

Gio, 15/09/2016 – 22:33

Como | Frontiera - Ancora una giornata di resistenza e solidarietà

Riceviamo e diffondiamo:

Aggiornamenti dal campo di S.Giovanni, lunedì 5 settembre

Ancora una giornata di tensione, ancora una giornata a muso duro, ancora una giornata di resistenza e solidarietà.

Tutto comincia verso l'ora di pranzo, quando viene avvistata la Digos fuori dalla casa di una compagna, al cui interno si sta cucinando, dopo lo sgombero della cucina autogestita di ieri.

Mar, 06/09/2016 – 12:48

Como | Frontiera - Attacchi all'autogestione del campo e resistenza di migranti e solidali

Riceviamo e diffondiamo alcuni aggiornamenti dalla frontiera Italia|Svizzera:

Aggiornamento della situazione al Campo di S.Giovanni, 4 settembre 2016.

Lun, 05/09/2016 – 00:41

Migranti - Rastrellamenti a Ventimiglia, deportazioni da Caselle e 3 solidali arrestati a Malpensa

La notte del 23 agosto le forze dell'ordine hanno rastrellato per le strade di Ventimiglia 40 persone provenienti dal Sudan, procedendo a una deportazione lampo con un volo Egypt Air in partenza la mattina successiva da Torino-Casellle. Appena appresa la notizia, alcuni solidali hanno messo in atto una protesta arrampicandosi e stendendo uno striscione su una torre dell'aeroporto di Malpensa, dal quale inizialmente si pensava dovesse partire il volo. I tre compagni sono stati portati in questura e successivamente in carcere con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale.

Mer, 24/08/2016 – 23:42

Rovereto - Distrutto bancomat Unicredit: "Qui si finanzia Erdogan"

Apprendiamo dai quotidiani locali che nella notte fra il 21 e il 22 agosto, a Rovereto, un bancomat dell'Unicredit è stato distrutto da una bomba carta o da "un petardo potenziato". Tracciate sulle vetrate della banca le seguenti scritte: "Qui si finanzia Edogan" e "No all'accordo UE-Turchia".

Mer, 24/08/2016 – 23:42

Brindisi | Cie - Ragazzo accusato di incendio trasferito ai domiciliari nel Cie di Restinco

Riceviamo aggiornamenti sulla situazione di Latham, ragazzo ivoriano di 22 anni arrestato in seguito alla rivolta dell'8 agosto:

Brindisi - Domiciliari nel Cie per Latham

Latham Eric Josue Lath, uno dei reclusi ribelli che lo scorso 8 agosto è stato arrestato con l'accusa di incendio durante la rivolta nel Cie di Restinco, è stato ritrasferito nel Cie brindisino ed è attualmente qui sottoposto a custodia cautelare.

Sab, 20/08/2016 – 23:43

Brindisi | Cie - Resoconto del saluto ai reclusi del 14 agosto e aggiornamenti

Riceviamo e diffondiamo un resoconto del presidio tenutosi il 14 agosto davanti al CIE di Brindisi-Restinco accompagnato da alcuni aggiornamenti:

Brindisi-Restinco: sul saluto ai reclusi in sciopero della fame

Domenica 14 agosto in una quarantina è stato rivolto un saluto di mezz'ora ai reclusi del Cie di Brindisi-Restinco, a soli cinque giorni dal presidio dello scorso 8 agosto.

Sab, 20/08/2016 – 23:32

Ventimiglia | Frontiera - Comunicato dal presidio permanente No Borders

Riceviamo e diffondiamo:

Ci siamo.
Il mostro "No Border" è stato creato; questa volta, perchè no, aggiungendovi un paio di artigli degni di un film americano di serie B.
Anche lo scenario costruitovi attorno non se ne discosta di molto. Nulla di veramente nuovo: criminalizzare con tutti i mezzi possibili coloro che alzano voci scomode e coloro che sono presenze scomode; è da sempre una delle prime tattiche pergiustificare mozioni di censura per gli uni eatti di violenza per gli altri.

Mar, 16/08/2016 – 09:17
Gio, 14/12/2006 – 12:27
Condividi contenuti
tutti i contenuti del sito sono no-copyright e ne incentiviamo la diffusione